Sacro Monte Madonna del Sasso

Giovedì 25 giugno 2015

Riconoscimento UNESCO: inoltrata la domanda a Berna


L’Associazione Pro restauro del Sacro Monte Madonna del Sasso – presieduta da Stefano Gilardi - comunica che il Consiglio di Stato, con decisione del 9 giugno 2015, ha inoltrato alla direttrice dell’Ufficio federale della cultura Isabelle Chassot la richiesta d’iscrizione dei due sacri monti di Brissago e della Madonna del Sasso nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO.

La richiesta fa seguito agli approfondimenti di un apposito gruppo di lavoro diretto da Diego Erba e comprendente rappresentanti dei comuni di Orselina, Locarno, Muralto e Brissago, dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli, dell’Ente regionale di sviluppo, del Dipartimento del territorio e della Parrocchia di Brissago.

L’analisi svolta dal gruppo ha creato le premesse per l’elaborazione di un importante dossier - coordinato da Diego Erba con l’apporto dello storico Lorenzo Planzi - comprensivo dei contributi di diversi esperti settoriali e della prefazione di Mario Botta. Il documento inviato a Berna illustra compiutamente le motivazioni alla base di questa candidatura e ripercorre i valori monumentali, architettonici, religiosi ed etnografici dei due complessi, confrontandoli con i criteri di accettazione previsti a livello internazionale.

Il Consiglio di Stato ritenendo che essi possano essere annoverati, a pieno titolo, per il loro valore e significato universale, tra i beni del Patrimonio mondiale, invita l’autorità federale a inserirli nella lista propositiva dei siti nazionali, prevista dal Consiglio federale nel 2017, che sarà poi inoltrata all’UNESCO a Parigi.

Venerdì 20 marzo 2015

EXPO 2015 Milano – Padiglione svizzero

I Sacri Monti ticinesi patrimonio mondiale dell’UNESCO?
12 luglio, 10.00 – 22.00, sala VIP – Lounge

L’Associazione Pro Restauro del Sacro Monte della Madonna del Sasso, in collaborazione con l’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli, presenterà al pubblico di EXPO2015 le caratteristiche storiche, culturali, artistiche e l’offerta turistica rappresentata dai Sacri Monti locarnesi.
In una piccola esposizione saranno illustrate le particolarità dei due Monti, la Madonna del Sasso di Orselina e il Sacro Monte di Brissago, con fotografie e filmati. Inoltre, per l’Associazione Pro Restauro, sarà questa occasione per rafforzare la collaborazione già in essere con i Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia.

Venerdì 19 dicembre 2014

Importante decisione  in vista dell’iscrizione nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO.


Sarà il Consiglio di Stato a presentare  nella primavera del 2015 all’Ufficio federale della cultura la candidatura dei due sacri monti della Madonna del Sasso  di Orselina e di Brissago  in vista dell’iscrizione  nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO.

E’ questa  la decisione adottata con una nota a protocollo dal Consiglio di Stato mercoledì -  su proposta del Consigliere di Stato Claudio Zali - sulla base  di una precisa richiesta formulata dall’Associazione Pro restauro del Sacro Monte della Madonna del Sasso presieduta dal Stefano Gilardi.

Come si ricorderà  negli scorsi mesi è stato svolto da un apposito Gruppo  di lavoro – coordinato da Diego Erba – uno studio di fattibilità con l’obiettivo di precisare le modalità, le scadenze  e gli oneri conseguenti  all’ottenimento di  questo riconoscimento da parte dell’UNESCO. Lo studio suggerisce anche, quale prima fase, l’allestimento di un dossier da parte dello stesso Gruppo di lavoro, con l’apporto di consulenti esterni, da sottoporre alle competenti autorità federali per esame e approvazione.

Il Consiglio di Stato ha pure  approvato l’indirizzo operativo proposto dallo studio di fattibilità , assicurando nel contempo  la collaborazione dei servizi cantonali competenti – in particolare dell’Ufficio dei beni culturali – per la messa  a disposizione del Gruppo di lavoro della documentazione e delle informazioni necessarie all’allestimento di un documento  solido e di qualità  in grado di essere inserito dapprima  nella lista propositiva della Svizzera  e , successivamente , inoltrato  all’UNESCO a Parigi.

i prossimi mesi saranno quindi decisivi  per il Gruppo di lavoro – che comprende rappresentanti dell’Associazione Pro restauro, dei comuni interessati (Orselina, Brissago, Locarno, Muralto), dell’Ente regionale di sviluppo Locarnese e Vallemaggia, dell’Ente turistico Lago Maggiore ,della Parrocchia di Brissago e del Dipartimento del territorio -  e per gli specialisti chiamati a collaborare all’allestimento  di  questo importante progetto di forte impatto culturale, turistico ed economico per il Locarnese e il Canton Ticino.

La decisione adottata dal Consiglio di Stato dà ulteriore forza  e slancio alla candidatura dei due sacri monti locarnesi e rappresenta un importante riconoscimento per l’esito degli approfondimenti fin qui svolti.


Sacro Monte di Brissago
Organizza una visita guidata
al Sacro Monte.